Lunedì, Luglio 28, 2014
#libri #unlibroasettimana 
Ieri blitz al Centro Sarca per acquisto di nuovi occhiali da sole. “Sì, sì,  compro solo gli occhiali da sole!”, mi sono detta.
Poi le gambette mi hanno portato al negozio Feltrinelli del Centro e… potevo uscire a mani vuote???
(Attirata dalla copertina, divertita dal titolo ed incuriosita dalla trama)
Buondì!

#libri #unlibroasettimana
Ieri blitz al Centro Sarca per acquisto di nuovi occhiali da sole. “Sì, sì, compro solo gli occhiali da sole!”, mi sono detta.
Poi le gambette mi hanno portato al negozio Feltrinelli del Centro e… potevo uscire a mani vuote???
(Attirata dalla copertina, divertita dal titolo ed incuriosita dalla trama)
Buondì!

Domenica, Luglio 27, 2014
E senti premere l’idea.
Molli un attimo il libro che stai leggendo ed affronti la famigerata analisi SWOT (quella cosa che ti faceva venire l’orticaria quasi un anno e mezzo fa).
E fluisce.
Fluisce tutto senza problemi e a gran velocità. Nei suoi punti di forza, nelle sue debolezze, nelle sue opportunità e nelle sue minacce.
Vuol dire che l’idea c’è.
Il progetto c’è. 
E più vai avanti, scandagliando, e piu l’idea rafforza il suo auto-sostentamento, ed inizia a stare sulle proprie gambe.

Sono contenta.
Perché pensavo che anche questa volta fosse l’ennesimo fuoco di paglia.
Ormai vicina allo sfiancamento, vicina alla rassegnazione, vicina a mollare tutto e rientrare nel recinto della quotidianità.

Invece una chiacchierata di un sabato mattina ha risvegliato una idea che era finita in cantina un anno fa.
Una cosa che era stata detta l’anno scorso, ma che non era riuscita a sopravvivere per più di 24-48 ore, perdendosi dietro ad una rincorsa di chimere.

Adesso è il “momento wow!”, con la benedizione dell’emisfero sinistro che pensa già al piano editoriale e a come rinforzare quei punti deboli emersi dalla analisi SWOT. 
È il momento dello sgancio automatico di cose che non servono più. 
E “l’effetto wow” del “si può fare!”, ha già una visione sulla media e lunga scadenza, con svolazzi di programmazione a cinque anni e possibili estensioni e contaminazioni ulteriori.

Mi ricordo ancora quando ebbi quella epifania parecchi mesi fa.
È simile ed è tornata.
Forse i tempi non erano maturi e dovevo fare ancora un po’ di sperimentazione (sperimentando anche discreti livelli di frustrazione).

Adesso più ci penso, più sono convinta.

Il filo rosso è tornato.
E ha l’aspetto di un trefolo di acciaio.

E senti premere l’idea.
Molli un attimo il libro che stai leggendo ed affronti la famigerata analisi SWOT (quella cosa che ti faceva venire l’orticaria quasi un anno e mezzo fa).
E fluisce.
Fluisce tutto senza problemi e a gran velocità. Nei suoi punti di forza, nelle sue debolezze, nelle sue opportunità e nelle sue minacce.
Vuol dire che l’idea c’è.
Il progetto c’è.
E più vai avanti, scandagliando, e piu l’idea rafforza il suo auto-sostentamento, ed inizia a stare sulle proprie gambe.

Sono contenta.
Perché pensavo che anche questa volta fosse l’ennesimo fuoco di paglia.
Ormai vicina allo sfiancamento, vicina alla rassegnazione, vicina a mollare tutto e rientrare nel recinto della quotidianità.

Invece una chiacchierata di un sabato mattina ha risvegliato una idea che era finita in cantina un anno fa.
Una cosa che era stata detta l’anno scorso, ma che non era riuscita a sopravvivere per più di 24-48 ore, perdendosi dietro ad una rincorsa di chimere.

Adesso è il “momento wow!”, con la benedizione dell’emisfero sinistro che pensa già al piano editoriale e a come rinforzare quei punti deboli emersi dalla analisi SWOT.
È il momento dello sgancio automatico di cose che non servono più.
E “l’effetto wow” del “si può fare!”, ha già una visione sulla media e lunga scadenza, con svolazzi di programmazione a cinque anni e possibili estensioni e contaminazioni ulteriori.

Mi ricordo ancora quando ebbi quella epifania parecchi mesi fa.
È simile ed è tornata.
Forse i tempi non erano maturi e dovevo fare ancora un po’ di sperimentazione (sperimentando anche discreti livelli di frustrazione).

Adesso più ci penso, più sono convinta.

Il filo rosso è tornato.
E ha l’aspetto di un trefolo di acciaio.

Momento #amarcord
Lavando l’uva mi sono ricordata di quando al ristorante te la portavano assieme alla ciotola di acqua per lavarla. 
Sto invecchiando….

Momento #amarcord
Lavando l’uva mi sono ricordata di quando al ristorante te la portavano assieme alla ciotola di acqua per lavarla.
Sto invecchiando….

#lightingdesign #architettura
Istantanee da blitz al Centro Sarca per acquisto di nuovi occhiali da sole (ho perso i precedenti con profondo disappunto…)

#lightingdesign #architettura
Istantanee da blitz al Centro Sarca per acquisto di nuovi occhiali da sole (ho perso i precedenti con profondo disappunto…)

"Il tempo mi darà ragione", si sentenzia quando sei convinto/a che le cose andranno come dici tu.
Beh… Se certe teorie sono corrette, purtroppo Sì che il tempo ti darà ragione.
Perché pare che con la convinzione che le cose andranno come dici tu, attuerai comportamenti (consapevoli e/o inconsapevoli) che dirigeranno le cose come tu vuoi che vadano a finire.
Nel bene e nel male.

"Il tempo mi darà ragione", si sentenzia quando sei convinto/a che le cose andranno come dici tu.
Beh… Se certe teorie sono corrette, purtroppo Sì che il tempo ti darà ragione.
Perché pare che con la convinzione che le cose andranno come dici tu, attuerai comportamenti (consapevoli e/o inconsapevoli) che dirigeranno le cose come tu vuoi che vadano a finire.
Nel bene e nel male.

Sabato, Luglio 26, 2014
Incontri mentre si cammina…

Incontri mentre si cammina…

Manco da un po’ l’appuntamento con le camminate.
È tempo di riprendere il discorso per mettere in fila un po’ di pensieri.

Manco da un po’ l’appuntamento con le camminate.
È tempo di riprendere il discorso per mettere in fila un po’ di pensieri.

Anamorfismo @latriennale

Anamorfismo @latriennale

Triennale e De Chirico per “No Name Design”

Triennale e De Chirico per “No Name Design”

Buondì…! (e buon natale…!)
Mattinata in salita… causa nottata difficile come se avessi mangiato un montone intero (stile Obelix…)
Vabbè… dormirò nel pomeriggio (e leggerò stanotte).
Buona giornata!

Buondì…! (e buon natale…!)
Mattinata in salita… causa nottata difficile come se avessi mangiato un montone intero (stile Obelix…)
Vabbè… dormirò nel pomeriggio (e leggerò stanotte).
Buona giornata!